facebook soluzionando web agency

FACEBOOK: Miniera d’oro o buco nero?

5 consigli per ottimizzare le campagne Facebook.

Ci sono quasi 900 milioni di persone che si collegano a Facebook ogni giorno! Sia che il target di riferimento siano studenti universitari o amministratori delegati, è molto probabile che sia possibile intercettarlo sul social di Zuckerberg

Non è più sufficiente però essere presente sui social. L’algoritmo di Facebook cambia costantemente, il che spesso porta a una copertura meno organica per i post di un brand. Per questa ragione si rende necessario fare campagne a pagamento, ma con criterio. Gli annunci devono essere ottimizzati e rivolti al pubblico giusto. Solo così si rispetta il budget e si ottengono ROI positivi.


Ma che significa ottimizzare una campagna Facebook? Ecco i nostri consigli:

ACCATTIVANTE
La scoperta dell’acqua calda. Il 90% delle informazioni trasmesse al cervello è visivo, quindi indipendentemente dall’annuncio, l’immagine deve parlare da sola!

PERTINENTE
La rilevanza è fondamentale per il successo. Quando si paga perché qualcuno visualizzi i tuoi contenuti. Le informazioni sono limitate e il successo è in parte misurato dai criteri di targeting scelti.

VALUE PROPOSITION
In che modo il tuo prodotto o servizio è diverso da qualsiasi altro? Perché l’utente dovrebbe cliccare?La proposta deve essere credibile e allettante. L’aggiunta di prove sociali e statistiche, così come di sconti può aiutare.

CALL TO ACTION
Un annuncio bello e pertinente ma senza un invito all’azione, potrebbe lasciare l’utente spiazzato. L’aggiunta di una CTA come “Acquista ora e salva X%” o “L’offerta scade a breve” creerà un senso di urgenza per il tuo spettatore.

COSTRUISCI SUL SUCCESSO
Come già detto, il successo di una buona strategia di marketing, non può prescindere dallo storytelling. Facebook è una piattaforma sociale e ogni campagna è legata alla precedente e crea la condizione per la successiva. Costruire sul successo è la prima strategia di successo!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *